Cittadella che tonfo, Vicenza pari quasi inutile

Versione stampabileVersione PDF

Ventiseiesima giornata in serie B. Il Cittadella chiude il primo tempo in vantaggio, sciupa più volte il raddoppio e poi crolla con l'Avellino. Il Vicenza ottiene solo un punto con l'Ascoli. Il big match Verona-Spal è in programma lunedì alle 20.45. Simone Francescon intervista l'attaccante cittadellese Luca Strizzolo.

CITTADELLA-AVELLINO 1-3

Venturato conferma il 4-3-1-2, con Pelagatti al posto di Salvi e Iunco dietro alla coppia d'attacco costituita da Arrighini e dal recuperato Strizzolo. Novellino risponde con il 4-4-2, con l'ex Ardemagni sostenuto da Verde in avanti.
Al 1' minuto Strizzolo ruba palla al portiere Radunovic e tira, ma questi si supera rimediando in corner. I granata premono sull'acceleratore da subito e costringono gli irpini a chiudersi a riccio nella propria trequarti. Il Cittadella sblocca il risultato al 12': Benedetti sfonda a sinistra e mette in mezzo per l'accorrente Strizzolo che, sotto porta, insacca di destro. Al 14' Alfonso sbaglia un rinvio su retropassaggio di Varnier: per fortuna del Cittadella, Verde sbaglia il pallonetto dai trenta metri. Suil rinvio, Alfonso subisce un infortunio muscolare ed è costretto a dare forfait: al suo posto entra il secondo Paleari. Al 23' riecco il Cittadella: Arrighini, defilato sulla destra, all'interno dell'area piccola, mette in mezzo rasoterra, ma Perrotta in scivolata anticipa provvidenzialmente Strizzolo. Al secondo minuto di recupero, Arrighini, imbeccato ottimamente da Iori, incespica sul pallone, si allarga troppo sulla destra e poi tira sull'esterno. Il primo tempo termina con il Cittadella in vantaggio.
A inizio ripresa, Novellino toglie uno spento Moretti e lo sostituisce con Omeonga. Al 50', il Cittadella va vicinissimo al raddoppio: Iori mette Arrighini davanti a Radunovic, l'attaccante cittadellese evita il portiere irpino ma poi si defila a destra e il suo tiro viene deviato sul fondo da Gonzalez. Il Cittadella sciupa troppo e al 53' arriva la beffa firmata dall'ex Ardemagni che, in posizione dubbia, segna sotto misura con un tocco velenoso, su assist di Verde. Venturato getta nella mischia Valzania al posto di Schenetti, con Iunco sulla fascia destra. Al 65' Benedetti calcia una punizione insidiosa dai venti metri, con il pallone diretto all'angolino basso e respinto con un colpo di reni da Radunovic. Nel Cittadella entra anche il giovane attaccante Vido al posto di Strizzolo, mentre nell'Avellino Eusepi sostituisce Belloni. Subito dopo Pelagatti sfiora la traversa avellinese con una bordata da fuori. Al 77' Iunco pesca Arrighini, la cui conclusione di controbalzo viene neutralizzata da Radunovic. All'85' Ardemagni firma il bis, colpendo di testa su cross di Laverone. Il Cittadella si espone e, al secondo dei sei minuti di recupero decretati dall'arbitro Marini, Eusepi segna a porta vuota il 3-1 definitivo a favore degli irpini.
A Vicenza la prima azione di rilievo arriva al 33', con l'ascolano Orsolini che impegna Benussi con un gran diagonale al volo. I marchigiani insistono e vanno in vantaggio al 37': Gigliotti lancia Mignanelli, il quale beffa Benussi con un preciso pallonetto. A inizio ripresa, Bisoli rimescola le carte inserendo nel Vicenza Bellomo e Orlando al posto di Cernigoi e Gucher. I cambi danno gli effetti sperati e al 68' il Vicenza trova il pari con De Luca, che segna in diagonale da centro area. Finisce 1-1 e ne scaturisce un pareggio che ai berici serve poco.
In attesa degli ultimi due matches, la classifica prevede Frosinone 47, Benevento 46, Verona 45, Spal 44, Cittadella e Perugia 39, più indietro Vicenza 28.

Per BluRadioVeneto: 
Simone Francescon