Cittadella pari con rammarico, Vicenza grande cuore

Versione stampabileVersione PDF

Trentesima giornata in serie B. Il Cittadella non riesce a battere il Perugia e i play off sono ora a rischio. Un Vicenza tutto cuore supera in rimonta il Pisa. Verona-Ascoli è in programma lunedì alle 20.30. Simone Francescon intervista il difensore del Cittadella Carlo Pelagatti.

CITTADELLA-PERUGIA 1-1

Venturato conferma il 4-3-1-2, con Pelagatti a fianco di Varnier in difesa e Vido in attacco in tandem con Litteri. Bucchi, senza Del Prete, sceglie il 3-5-2, con l'ex Di Carmine e Terrani in avanti. Al 4' Bartolomei impegna Brignoli, portiere umbro, con una rasoiata su punizione. Il Cittadella passa in vantaggio in contropiede al 13': Salvi scende con dirompenza sulla destra e mette in moto Chiaretti, il quale tocca in mezzo per  Litteri, bravo a piazzare la sfera rasoterra alla sinistra di Brignoli. Il Perugia si espone alle ripartenze cittadellesi e al 27' Chiaretti, in equilibrio precario, calcia alto, su traversone dalla sinistra di Benedetti. Alla mezz'ora esce per infortunio il perugino Dezi, sostituito a centrocampo da Acampora. Al 35' su uscita avventata di Alfonso, Fazzi colpisce di testa e sulla linea di porta granata Salvi riesce a respingere il pallone. Al 39', su cross da destra di Mustacchio, Di Carmine di testa manda il pallone di poco a lato alla sinistra di Alfonso. Il primo tempo si chiude con il Cittadella in vantaggio 1-0.
A inizio ripresa, al 50', il Perugia ottiene un penalty dubbio per presunto fallo di Pelagatti su Terrani: dagli undici metri trasfroma l'ex Di Carmine. Qualche minuto dopo Bucchi toglie proprio Terrani e getta nella mischia l'esperto Guberti. Il Cittadella prova a reagire e al 62' Bartolomei, imbeccato da Iori, defilato sulla sinistra, spara su Brignoli. A questo punto Venturato decide di giocare la carta del rientrante Kouame, che sostituisce uno spento Vido. Il Cittadella preme e al 68' reclama un rigore per un contatto in area umbra tra Fazzi e Pelagatti , ma l'arbitro Rapuano fa proseguire. Al 70 Valzania in diagonale da sinistra sfiora il montante della porta perugina. Tocca poi a Kouame, un minuto dopo, a impegnare severamente Brignoli dopo un'incursione irresistibile. Venturato inserisce anche Iunco in luogo di uno stanco Chiaretti. Il Perugia si ripresenta in area cittadellese al minuto 83', con una girata di testa di Monaco, alzata sopra la traversa da Alfonso. Al minuto 86 Iunco allarga sulla destra al neo entrato Arrighini (al posto di Litteri), la cui stoccata sul primo palo viene deviata in angolo da Brignoli. Gli ultimi sforzi prodotti dal Cittadella non sortiscono l'effetto sperato: finisce 1-1.
Il Vicenza compie un rimonta da urlo e conquista tre punti d'oro contro il Pisa, nella corsa alla salvezza. Al Menti, i berici rimangono in dieci a inizio ripresa, a seguito di una doppia ammonizione comminata a Orlando. I toscani sembrano approfittarne e passano in vantaggio al 64' con Manaj, che sorprende Amelia con un tiro al volo sugli sviluppi di un corner. Bisoli getta nella mischia Ebagua al posto di Bellomo e la partita cambia inerzia. All'86' proprio Ebagua segna di testa il goal dell'1-1, su cross dalla destra di Zaccardo. L'epilogo giunge poi al 94', quando il Vicenza ottiene un rigore per fallo su De Luca e Urso segna dal dischetto la rete del definitivo 2-1.
In attesa di Verona-Ascoli, la classifica recita Spal 55, Frosinone 53, Verona 52, Benevento 48, Bari 46, Cittadella, Perugia, Spezia e Novara 44, Vicenza al sedicesimo posto con 33.

 

Per BluRadioVeneto: 
Simone Francescon