Conto alla rovescia per la Maratona di Sant'Antonio

Versione stampabileVersione PDF

Torna domenica, a Padova e provincia, la Maratona di Sant'Antonio, giunta alla dodicesima edizione. BluRadioVenetoSport darà l'ordine d'arrivo durante la consueta programmazione domenicale.

Domenica prossima, 17 aprile, scoccherà l'ora della Maratona di Sant'Antonio, una delle più attese e apprezzate manifestazioni podistiche nel panorama nazionale e internazionale.
La Maratona di Padova e provincia riveste una notevole importanza anche sul piano della solidarietà, visto che la gara è valevole anche come campionato italiano disabili.

Giunta alla sua dodicesima edizione, la maratona, dedicata a uno dei Santi più venerati al mondo, presenta quest'anno un percorso nuovo, pensato per offrire a tutti i partecipanti stimoli ancor più emozionanti e coinvolgenti, rispetto alle passate edizioni.
La partenza è prevista a Campodarsego, comune situato appena fuori Padova, mentre l'arrivo è fissato in Prato della Valle. I partecipanti percorreranno le strade che attraversano i paesi dello storico "graticolato romano" (San Giorgio delle Pertiche, Camposampiero, Massanzago, Borgoricco, Cadoneghe), per poi entrare nel centro cittadino patavino lungo la Statale del Santo e giungere, dopo i canonici 42, 195 km, al traguardo posto nella piazza più grande d'Europa. Ma la novità più attesa per i partecipanti sarà il passaggio di fronte alla Basilica di Sant'Antonio.
In campo maschile sarà una sfida, in particolare, tra il keniano Ben Chebet e e l’azzurro Denis Curzi. Chebet torna a Padova dopo aver vinto l’edizione del 2009 realizzando il record della corsa, primo uomo a scendere sotto il muro delle 2 ore e 10 in Prato della Valle (2 ore 9’ 42”) , mentre Curzi, già vincitore di due edizioni della Treviso Marathon, è al debutto sul tracciato padovano.
In campo femminile, invece, fa il suo ritorno la comasca Ivana Iozzia, alla caccia del bis del successo conseguito nel 2005, ma che dovrà guardarsi dalla presenza della keniana Florence Chepsoi e dell’etiope Tiruwork Mekonnen Lemma.
Accanto alla competizione sportiva sono previste svariate iniziative collaterali, in particolare la Stracittadina, corsa non competitiva che riunisce ogni anno migliaia di persone per una giornata di sport e benessere all'aria aperta.
La Maratona S.Antonio vedrà partecipe anche quest’anno l’associazione A.S.L.A. onlus, per la lotta contro la sclerosi laterale amiotrofica. Nata in memoria di Silvio Bastianello e guidata dalla presidente Daniela Fasolo, l’A.S.L.A. si propone spesso in iniziative di sport e solidarietà, per tenere alta l’attenzione su quella che oggi è la più diffusa della malattie rare, la SLA.
Cinque ammalati di SLA in carrozzina, spinti da un nutrito gruppo di atleti, partiranno da Camposampiero e percorerranno i 21 chilometri previsti dalla Mezza Maratona.

 

Per BluRadioVeneto: 
SIMONE FRANCESCON