Derby al Bassano, riscatto Treviso, Venezia tranquillo, Este solo

Versione stampabileVersione PDF

In prima divisione, il Bassano regola il Portogruaro nel derby veneto. In seconda divisione, il Treviso vince contro l'Alessandria e si rilancia in chiave promozione. In serie D gir. C, il Sandonà Jesolo ferma il Venezia, ma Delta e Legnano non ne approfittano. In serie D gir. D, l'Este sbanca Scandicci e torna da solo al comando.

La prima divisione gir. B si gioca eccezionalmente il sabato e il Bassano, trascinato da De Gasperi, Correa e Galabinov, supera il Portogruaro 1-0 nel derby veneto.
Al Mercante della città bassanese, risolve un goal firmato al 35' da un De Gasperi particolarmente ispirato (vedi foto), capace anche di passaggi illuminanti e di recuperi difensivi. Il goal dell'ex cittadellese scaturisce da un tiro a giro dalla lunetta, su assist di Galabinov. Sul fronte opposto il Portogruaro gioca a viso aperto, lasciando ampi spazi alle ripartenze bassanesi, ma alla fine il risultato non cambia. Tra le file portogruaresi fa il suo debutto, ma non incide, l'ex bassanese Lorenzini.
Gli uomini di Jaconi rimangono in orbita play off, a quota 35, nel gruppone delle terze, dietro al capolista Trapani (46 in attesa del posticipo con la Cremonese) e al Siracusa (40).
Il Bassano, invece, grazie a questo successo nel derby, scavalca in classifica il Piacenza e sale al terz'ultimo posto, in piena zona play out.

In seconda divisione gir. A, dopo un mese e mezzo di astinenza, il Treviso torna alla vittoria (3-1 all'Alessandria) e risale la classifica, complici i risultati non esaltanti delle concorrenti per la promozione.
Delle prime sei, la formazione di Zanin è l'unica squadra a vincere: è pari nello scontro diretto tra San Marino e Cuneo (1-1); è pari del Rimini raggiunto in extremis nel derby col Bellaria (1-1); ed è pari per il  capolista Casale a Renate (0-0).
Al Tenni, il Treviso gioca con ordine e determinazione e risolve la pratica con Maracchi al 31', Malacarne al 41' (liberato su tacco sontuoso di Torromino) e Di Girolamo al 50', mentre per i piemontesi accorcia Santoni al 75'.
In classifica, dopo ventisetti turni, il Casale è leader con 50 punti, seguito da Rimini e San Marino 46, Cuneo 44 e Treviso 43, con due punti di penalizzazione.

In serie D gr. C, il Venezia ottiene un pari sofferto in casa con il Sandonà Jesolo e scongiura, paradossalmente, il pericolo di ulteriore avvicinamento di Delta Porto Tolle e Legnago.
Al Penzo, gli arancioneroverdi pareggiano 1-1, mentre il Delta fatica tremendamente a impattare 2-2 in casa con il Gradisca d'Isonzo. Il Legnago, addirittura, cede alla quarta forza del campionato, la mina vagante Montebelluna.
Al 30' il veneziano di nascita Gattoni, in tuffo, infila di testa la porta lagunare e il Sandonà Jesolo passa in vantaggio. Il Venezia si espone ai rapidi contropiedi degli avversari ma trova il pari al 73' con Zubin su rigore (decretato per fallo sullo sgusciante D. Oliveira).
Il Delta Porto Tolle, incredibilmente sotto di due goals a pochi minuti dal termine contro l'ultima in classifica, riesce al fotofinish a riagguantare il pareggio grazie agli acuti di Gherardi all'85' e di Zanardo al secondo minuto di recupero. Una rete di Martini al 69' regala invece i tre punti al Montebelluna in quel di Legnago.
Ora, dopo ventiquattro turni, il Venezia comanda la classifica con 52 punti, il Delta segue a 47, il Legnago è a quota 46, quarto è il Montebelluna con 43 punti.
In chiave salvezza, è importantissimo il successo conseguito dal Belluno nel finale a Mezzocorona, 2-0 con reti di Radrezza e Mosca.

In serie D gir. D, l'Este sbanca Scandicci con un perentorio 3-0 (doppietta di Moresco e Rondon) e torna da solo al comando. Infatti, Virtus Vecomp cede a Campi Bisenzio contro il Lanciotto (1-3) mentre Virtus Castelfranco Emilia non va oltre l'1-1 in casa con il forte Mezzolara. Il Forlì supera in scioltezza il Camaiore (4-2) ed aggancia la seconda piazza, a un solo punto di distacco dagli estensi. Il San Paolo Padova cala un tris netto a Pavullo al Frignano, nel modenese, vincendo 3-0 (due Michelotto e uno Lucchini) contro la Pavullese e conservando il quinto posto.
Da segnalare è anche il successo 3-2 del redivivo Cerea a Ravenna.
La classifica, dopo ventisette giornate, recita Este 52, Forlì 51, Virtus Castelfranco Emilia 50, Virtus Vecomp 49, San Paolo Padova 46. Mezzolara 44, Cerea 43.

Per BluRadioVeneto: 
Simone Francescon