Plastic Light Factory

Versione stampabileVersione PDF
Data: 
Venerdì 09 Giugno ore 22:30

Venerdì 9 giugno a partire dalle ore 22:30, nel corso del programma "Rockwave Live" intervista e showcase del trio Plastic Light Factory  per la presentazione del primo EP dal titolo "Hype".
RIASCOLTA (tasto destro per salvare)

VIDEO
LE FOTO

I Plastic Light Factory vi faranno venire voglia di sedervi con loro su un muretto, aprire un paio birra e attaccare a raccontarvi un po’ di storie di vita. 

Questione di un attimo, perché quello che succederà subito dopo sarà desiderare solo e soltanto gettarsi nella notte e divorarsela tutta. Perché il suono vorace e cangiante di questi tre ragazzi, che di base si muovono tra Mantova e Parma ma nelle vene hanno sangue tedesco (Moritz) e spagnolo (Andrea), non si esaurisce all’ascolto, ma, ed è forse la loro qualità più dirompente, lascia una lunga scia scalpitante di voglia di lasciarsi andare, di infilarsi il vestito migliore e andare a godersi la vita.  

Perché nelle canzoni di Hype, primo Ep pubblicato lo scorso 5 ottobre da Moritz “Leopaisley” Meyns, Christian “Bindie” Bindelli ed Andrea “Zannunzio” Zanini (che gli è valso il titolo di artisti Just Discoverd su MTV New Generation Italia), c’è tutta l’elettricità dei suoni indie rock della ribollente Albione, ma c’è anche il calore languido del Paisley pop d’atmosfera californiana. 

C’è la psichedelia e pure il garage, si intravedono di sfuggita Franz Ferdinand ma passano a fare un saluto anche gli Arctic Monkeys. Soprattutto, però, ci sono pezzi scritti con la mano ferma di chi ha padronanza del mezzo e piena confidenza con l’ambiente in cui si sta muovendo. Chitarra effettata, riff che ti spettinano, batteria incalzante e una voce che col cavolo che si confonde nella mischia: queste le coordinate sonore dei PLF, che già nel 2014 li hanno premiati rendendolifinalisti, su oltre 600 candidati, del Rock Contest di Controradio (in giuria anche Manuel Agnelli e Piero Pelù).  

Tutto il resto, com’è giusto, non può essere incasellato ma deve essere solo gustato. Da lì a farvi trascinare fuori di casa alla ricerca di party selvaggi o di tramonti sulla spiaggia da ammirare mani nelle tasche e occhi socchiusi, sarà questione di un attimo. Perché come dicono loro stessi: “La musica ti trascina in questo sogno vorticoso che è vivere ddi essa e il modo per viverci è comporre, senza mai dimenticare di circondarsi di luci vorticose, glitter e camice dai pattern incredibili”.  

Hype è il suono della gioventù di tre ragazzi che con la loro immaginazione e la loro musica riescono a travalicare i confini della propria terra e ad approdare oltremanica in terra d’Albione. Questo concept EP prende ispirazione dalla recente scena musicale che si sta formando intorno all’Hype di Mantova. Collettivo di band indipendenti? Sala concerti? Etichetta discografica? Forse nessuno sa bene cosa sia, l’unica cosa certa è che costituisce un concreto viatico per valide forme d’espressione, oltre che un reale punto d’aggregazione per una nuova ondata di controcultura giovanile portata da un vento che soffia aria direttamente dal ’67.

E allora in queste note rivivono i suoni, le luci e i colori di un’intera generazione che non smette mai di sognare. Believe the Hype. 

Tracklist:
1. Colour of the Morning
2. Oceanic Trench
3. Little Adventures
4. Robyn
5. Jakiteko

Line Up:

Moritz Meyns – chitarra, hog, electric sitar e voce
Christian Bindelli – basso, mellotron
Andrea Zanini – batteria e cori

Rockwave di questa sera è un programma a cura di Maurizio Calzavara con la partecipazione di Francesco Galante. Organizzazione e direzione artistica Alberto Prisco.
Grazie a Eros Pastrello


FACEBOOK (metti il "Mi piace")

Per BluRadioVeneto: 
Alberto Prisco
in