Porto, Bassano e Treviso pari, Venezia sempre leader, Este agganciato

Versione stampabileVersione PDF

I risultati delle altre venete. In prima divisione, il Portogruaro blocca sul pari la corrazzata Spezia, mentre il Bassano sfiora la vittoria nientemeno che a Siracusa. In seconda divisione, il Treviso si fa acciuffare nel finale dal Bellaria. In serie D gir. C, continua il duello tra il Venezia capolista e gli inseguitori Delta e Legnago. In serie D gir. D, l'Este leader conserva tre punti di vantaggio sul Forlì.

In prima divisione gir. B, il Portogruaro blocca sul pari (1-1) la corrazzata Spezia. Al Mecchia, al 36' del primo tempo il difensore di casa Fedi mette fuori causa Russo, portiere spezzino, portando in vantaggio i granata di Rastelli. Al 43' del primo tempo gli aquilotti spezzini hanno la possibilità di pareggiare, ma Marotta colpisce il palo su rigore, pur spiazzando il portiere del Porto Bavena. Nella ripresa, al 60' arriva il pareggio Lucioni, al suo primo centro stagionale con lo Spezia. Al 65' i liguri rimangono in dieci per espulsione di Marotta (doppia ammonizione) ma il Portogruaro non riesce ad approfittarne e resta abbastanza lontano dalla zona play off. La graduatoria, dopo ventisette turni, vede il Trapani al comando con 53 punti, seguito dal Siracusa a 45 e Spezia 43, mentre il Porto è a centro classifica con 36 punti.
Il Bassano del nuovo tecnico Brucato (sostituto di Jaconi) disputa a Siracusa un'ottima partita e torna a casa con un punto insperato alla vigilia, visti i tanti squalificati e visto il morale a terra dopo l'incredibile debacle interna con il Feralpi Salò domenica scorsa al Mercante. Nel 4-3-3 di Brucato, De Gasperi e Guariniello vengono dirottati sull'esterno, con Galabinov punta centrale.
Nella tana della vice capolista, il Bassano va sotto al 3' (goal di Testardi) ma poi, nello spazio di due minuti compie il sorpasso. Al 35' pareggia con Correa direttamente su punizione e un minuto dopo va addirittura in vantaggio con una zampata di capitan Basso. Galabinov segna il 3-1, ma l'arbirtro, su segnalazione dell'assistenza, annulla senza ragioni. Nel secondo tempo, il Bassano tiene bene e riparte anche in contropiede. La beffa arriva al 90', quando Coda risolve una mischia e segna il 2-2 definitivo con un pallonetto. Ora i giallorossi bassanesi sono ultimi, ma con un solo punto in meno rispetto all'Andria.

In seconda divisione gir. A, il Treviso sciupa tutto nel finale e si fa raggiungere sull'1-1 dal Bellaria. Al Tenni, i biancocelesti vanno in vantaggio al 58' con Perna, che insacca di testa sugli sviluppi di un corner e realizza il 14^ goal in campionato. Dopo la rete trevigiana, inizia il dominio del Bellaria che colpisce un legno e costringe Campironi, portiere biancoceleste, a due interventi prodigiosi. Al 90' Bamonte, capitano romagnolo, sfrutta al meglio un cross su punizione e, in tuffo, insacca di testa in rete per il pari definitivo.
Il Casale capolista impatta 0-0 a Mantova, il San Marino torna al successo (3-1) sul Poggibonsi, il Cuneo espugna il campo dell'Entella (1-0), mentre il Rimini non va oltre l'1-1 in trasferta con il Renate. La classifica, dopo trentuno giornate, recita Casale 55, San Marino e Cuneo 54, Rimini 49, Treviso 48 e mercoledì gli uomini di Zanin recuperano al Tenni il match con il Valenzana, ma anche San Marino e Rimini hanno una partita in meno.

In serie D gir. C, dopo un digiuno durato due mesi, il Venezia torna alla vittoria al Penzo e tiene a bada le due inseguitrici, anch'esse vincenti. Gli arancioneroverdi risolvono la pratica Giorgione nel primo tempo, fissando il risultato sul 2-1 a proprio favore dopo venti minuti. Al 10', sugli sviluppi di un angolo, Lauria calcia da lontano, D. Oliveira corregge in corsa la traiettoria del pallone e segna l'10 veneziano. Quattro minuti più tardi, Moro infila di testa in rete, raccogliendo un cross dell'ispirato Lauria. Il Giorgione accorcia le distanze su punizione al 20', quando Rostellato imbecca l'altissimo Lazzari, che incorna in rete.
Il Delta Porto Tolle trova il goal della vittoria al 92' a Montebelluna, grazie a una zampata dell'attaccante Enrico Gherardi (vedi foto). Il Delta interrompe la serie positiva del Montebelluna, che durava addirittura diciassette partite, e rimane a soli due punti dal capolista Venezia.
Vince anche il Legnago (2-0 in casa sul Tamai) e rimane agganciato al terzo posto, in piena corsa per la promozione, a tre lunghezze dal Venezia e a due dal Delta. La classifica, dopo , recita Venezia 56; Delta Porto Tolle 54, Legnago 53 e Montebelluna 45, ormai fuori dai giochi. In ottica salvezza sono importanti i successi riportati dall'Union Quinto (2-1 sul Città di Concordia) e dal Belluno (1-0 a Sacile).

In serie D gir. D, alla trentisima giornata, l'Este espugna con autorità il campo della Virtus Vecomp e conserva i tre punti di vantaggio sulla seconda Forlì, vittoriosa 1-0 sul Virtus Castelfranco Emilia. A Verona, l'Este vince 3-1 grazie alle reti di Colman (doppietta) e Moresco, con il pari temporaneo di Bortignon. il San Paolo Padova invece deve ringraziare il baby Guido Cortello (classe 1994) che, al 90', trova il goal del 2-2 definitivo contro uno Scandicci in superiorità numerica per tutta la ripresa, a seguito dell'espulsione di Bovo. I sanpaolini rimangono sesti in classifica, ben lontani dal leader Este. E mercoledì, al Nuovo Stadio, cè il derby fra le due padovane.

Per BluRadioVeneto: 
Simone Francescon