Portogruaro ok, Bassano ko, Venezia patatrac, Este sempre primo

Versione stampabileVersione PDF

I risultati delle altre venete. In prima divisione, il Portogruaro vince e rimane in orbita play off, mentre il Bassano si arrende al Barletta. In seconda divisione, la partita del Treviso viene rinviata per neve. In serie D gir. C, il Venezia scivola in casa, ma Delta e Legnago non giocano causa neve e il distacco, almeno per il momento, rimane immutato. In serie D gir. D, l'Este pareggia in extremis sul campo del Lanciotto e resta prima, mentre il San Paolo subisce una cocente sconfitta a Pistoia.

In prima divisione gir. B, grazie a un acuto di De Sene, il Portogruaro torna alla vittoria in casa contro l'Alto Adige (1-0). In attesa dei tanti recuperi, il Porto raggiunge a quota 34 la Carrarese in zona play off, a otto lunghezze dal capolista Trapani, vittorioso 1-0 nel big match contro il quotato Spezia.
Il Bassano esce invece sconfitto 1-0 dal “Putilli” di Barletta. La formazione pugliese, assetata di vittorie, gioca con rabbia e determinazione, trovando il goal della vittoria al 39' del primo tempo con Schetter. In precedenza, il bassanese Galabinov fallisce un rigore sullo 0-0. Dopo questa battuta d'arresto, gli uomini di Jaconi rimangono penultimi in classifica.
Adesso il campionato osserva un turno di riposo. Mercoledì 22 sono in programma i recuperi, mentre domenica 26 va in scena il derby Bassano-Portogruaro al Mercante.

In seconda divisione gir. A, il match del Tenni tra Treviso e Valenzana viene rinviato causa neve a data da destinarsi. Anche Rimini-Poggibonsi subisce un rinvio al 14 marzo per neve, mentre il Casale impatta 1-1 il derby piemontese in trasferta ad Alessandria. Il Cuneo degli ex trevigiani E.Rossi e Varricchio vince, come da pronostici, 2-0 a Lecco e risale la classifica. Questa di seguito è la situazione, con indicate, tra parentesi, le partite disputate. Rimini 45 (23), Casale 45 (24), Cuneo 42 (23), San Marino 40 (23), Treviso 39 (24), Virtus Entella 38 (25).

In serie D gir. C, al Penzo si consuma un tonfo imprevedibile alla vigilia da parte del capolista Venezia. All'Isola di Sant'Elena, dove soffia un vento gelido, vince il Montecchio Maggiore 3-2, e il Venezia si rende ancora una volta protagonista, in negativo, di incredibili defaillances difensive. Zubin sbocca dopo soli quattro minuti, ma il Montecchio pareggia quasi subito con Peron, sugli sviluppi di tre angoli consecutivi. Il carioca Oliveira riporta in avanti i lagunari a inizio ripresa, ma poi, dal 75' all'80', Oneyejiaka e De Cao sfruttano due clamorosi lisci difensivi dei veneziani e conegnano al Montecchio una vittoria insperata.
Delta Porto Tolle e Legnago, sempre a meno otto, vedono i loro match rinviati (rispettivamente contro Città di Concordia e Union Quinto) ed affilano le armi per ridurre eventualmente a cinque i punti di distacco dai lagunari.
Il match tra Sandonà Jesolo e Montebelluna si conclude con un combattuto 2-2.

In serie D gir. D, l'Este gioca regolarmente a Campi Bisenzio contro il Lanciotto e dopo aver trovato il goal del pari con Aliberti, va di nuovo sotto ma acciuffa in extremis, con Moresco, un 2-2 importante nell'ottica di preservare la testa della classifica, visto che anche Virtus Vecomp pareggia (1-1 a Santa Croce contro il Pelli) e Virtus Castelfranco Emilia non scende neppure in campo per la neve. La classifica, in attesa dei recuperi, vede Este al comando con 48 punti, due in più rispetto a Vecomp e Castelfranco.
Assume invece connotati clamorosi la sconfitta riportata dal San Paolo Padova in quel di Pistoia. Gli uomini di Fonti, dopo dodici minuti, sono già sul 2-0, grazie agli acuti di Raffaeli e Volpato e falliscono per due volte il colpo del definitivo ko con lo stesso Raffaelli e con Mazzeo. Nella ripresa, il San Paolo subisce la prepotente rimonta degli arancioni, a segno due volte con Bigoni e all'89' con il neo entrato Firenze. Finisce 3-2 per la Pistoiese, alla sesta vittoria consecutiva, ed ora a meno cinque dalla zona play off, vale a dire dallo stesso San Paolo e dal Mezzolara.
 

Per BluRadioVeneto: 
Simone Francescon