Venezia all'ultimo respiro, Padova balzo verso il secondo posto, Bassano ancora ko

Versione stampabileVersione PDF

Ventinovesima giornala in Lega Pro. Il Venezia ha la meglio sul Modena soltanto nel recupero. Il Padova regola il Santarcangelo e si avvicina al secondo posto. Il Bassano cede anche a Sambenedetto del Tronto. Simone Francescon intervista il vice presidente del Calcio Padova Edoardo Bonetto.

PADOVA-SANTARCANGELO 2-0

Brevi si affida al collaudato 3-5-2, con Mandorlini in cabina di regia e la coppia Altinier-Neto Pereira in avanti. Marcolin, che deve fare a meno di Paramatti, replica con un modulo speculare, con Cesaretti e Cori di punta. Il Padova comincia con determinazione e al 14', su cross radente dalla destra di Neto Pererira, Altinier e Favalli manca il contatto con il pallone sotto misura. Il Santarcangelo chiude bene tutti gli spazi e il Padova ci prova su tiro piazzato dalla distanza, come al 21', quando Emerson sparacchia ampiamente a lato. I romagnoli si fanno vivi al 25' con Cori, che viene anticipato in uscita da Bindi. Alla mezz'ora dopo un tiro di Cesaretti murato da Cappelletti, il Padova riparte in contropiede e Dettori calcia rasoterra impegnando Nardi, portiere romagnolo. Al 35' i romagnoli creano una buona occasione con Cori che, ricevuto il pallone al limite dell'area, lo addomestica di petto, e poi di controbalzo tira di poco alto. Il Padova sblocca il risultato al primo e vero errore avversario. Dettori ferma Florio e serve Favalli sulla sinistra il quale, giunto quasi sul fondo, mette in mezzo rasoterra per l'accorrente Altinier, che di destro insacca, dopo un velo di Neto Pereira.
A inizio ripresa, al 50', Emerson su punizione dai venti metri dà ai tifosi l'illusione della rete, ma il pallone termina fuori di pochissimo, sull'esterno della rete. Lo stesso Emerson, al 56', costringe Nardi ad alzare il pallone oltre il montante. Al 66' Brevi inserisce De Cenco e toglie Altinier, appena ristabilitosi da un'influenza. Marcolini risponde con un doppio cambio: Ungaro e Merini sostiuiscono Cesaretti e Florio. Il Sant'Arcangelo non riesce comunque mai a rendersi insidioso e il Padova raddoppia in contropiede, al minuto 89', con De Cenco in contropiede, che segna su assist di Favalli. Finisce 2-0 per il Padova che, complice il pareggio del Parma (1-1 a Mantova), si porta a -1 dai ducali. Il Venezia fa la partita, ma batte soltanto nel recupero il Modena, grazie a un colpo di testa vincente dello spagnolo Geijo al 92'. Il Bassano Virtus invece perde ancora, stavolta in trasferta contro la Sambenedettese (0-1) a seguito di un goal di Di Massimo al 61'. Il Venezia mantiene saldo il primo posto in classifica con 64 punti, seguito da Parma a 57, Padova 56, Pordenone e Reggiana 51, Bassano ancora dentro ai play off con 40 punti.

Per BluRadioVeneto: 
Simone Francescon