S.M.S. - Da qui a domani

Versione stampabileVersione PDF

Ovvero, memorie della più concreta new wave italiana alla ricerca di una via di fuga dalla routine passatista. 
E questa ricerca si concretizza nell'allestimento di un progetto volto a mescolare ricerca sonora (Cristiano Santini, già Disciplinatha) e parola (non solo la voce cantautorale di Miro Sassolini dei Diaframma ma anche i versi della poetessa Monica Matticoli).

Ne esce un lavoro forse non perfettamente definito ma che, proprio per questo, ha il fascino e la fecondità di un work in progress che promette più che rassicurare.
Potremmo definirlo un incrocio tra elettronica (collabora anche Federico Bologna già Technogod) e canzone d'autore, per come il genere stia cercando, qui da noi, di affrancarsi dalla, seppur gloriosa, tradizione.
 
Si sentono echi evidenti del Battiato degli ultimi tempi, impreziositi in ogni caso dall'inconfondibile fascino della voce dei primi Diaframma, con il relativo portato wave di cui dicevo.

Nel complesso un disco ammaliante, molto gradevole e foriero di probabili sviluppi che non possiamo non immaginare positivi.

Per BluRadioVeneto: 
Luciano Marcolin
Etichetta / Distribuzione: 
BLACK FADING
Tracce: 

01. Sul limite
02. Leonard
03. In quiete
04. Disvelo
05. Rimane addosso
06. Semel heres
07. Idea dell'alba
08. A nudo
09. Petite mort
10. Dal vetro allo specchio
11. Mai troppo chiuso
12. Oltremodo